Sei in: Home » Articoli

Cassazione: doppia motivazione per relationem della sanzione? E' legittima

La Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 16838/2009) ha stabilito che sono legittime le sanzioni amministrative motivate su un parere della pubblica amministrazione che, a sua volta, si fonda su di un accertamento. I Giudici del Palazzaccio hanno infatti evidenziato che “secondo la giurisprudenza di questa Corte ‘il contenuto imposto dall'art. 18, secondo comma, della legge 24 novembre 1981, n. 689, di motivare l'atto applicativo della sanzione amministrativa, va individuato in funzione dello scopo della motivazione stessa, che è quello di consentire all'ingiunto la tutela dei suoi diritti mediante l'opposizione. Pertanto, il suddetto obbligo deve considerarsi soddisfatto quando dall'ingiunzione risulti la violazione addebitata, in modo che l'ingiunto possa far valere le sue ragioni e il giudice esercitare il controllo giurisdizionale, con la conseguenza che è ammissibile la motivazione ‘per relationem' mediante il richiamo di altri atti del procedimento amministrativo e, in particolare, del verbale di accertamento, già noto al trasgressore in virtù della obbligatoria preventiva contestazione”.
Nel caso di specie, la Corte ha evidenziato che “ciò posto, non v'è dubbio che il decreto opposto è motivato per relationem al parere della commissione che, a sua volta è motivato per relationem al verbale d'accertamento. Il giudice a quo ritiene erroneamente che la motivazione per relationem non è valida quando il documento richiamato a sua volta è motivato per relationem ad altro, senza però motivare in qualche modo tale sua affermazione. Si tratta invero di un assunto privo di fondamento normativo e logico: ai fini della validità e sufficienza della motivazione del provvedimento sanzionatorio è soltanto necessario che i documenti compresi nella catena dei richiamo siano tutti riconoscibili e che i richiami stessi siano precisi e congrui, in modo tale che il cittadino venga posto in condizione di conoscere le ragioni dell'amministrazione e di essere dunque in grado di esercitare il suo diritto di difesa”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(27/07/2009 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF