Sei in: Home » Articoli

Giustizia: CSM recepisce direttive del Capo dello Stato

Il vicepresidente del Consiglio Superiore dalla Magistratura, Nicola mancino, illustrando in una conferenza stampa i risultati della delibera approvata da Palazzo dei Marescialli sull'organizzazione delle procure, in applicazione del nuovo ordinamento giudiziario ha dichiarato: "Questa risoluzione non ha fatto del procuratore della Repubblica un monarca assoluto, ma non potevamo nemmeno accettare che fosse un re travicello o che negli uffici requirenti valesse il semplice assemblearismo. Diciamo che il procuratore e' un monarca costituzionale". La risoluzione Ŕ stata approvata sostanzialmente all'unanimitÓ e sono state recepite tutte le direttive dettate dal presidente della Repubblica. Quello che cambia con questa risoluzione Ŕ la figura del magistrato requirente.
SarÓ pi¨ diretto il potere di controllo del procuratore sul lavoro dei singoli pm; resterÓ in ogni caso il controllo del CSM. In sostanza il lavoro del procuratore dovrÓ puntare sugli aspetti organizzativi pur nel rispetto dell'autonomia del sostituto procuratore. SarÓ fondamentale per il Procuratore perseguire tre obiettivi ossia quello della ragionevole durata del processo, quello del corretto puntuale ed uniforme esercizio dell'azione penale, quello dell'efficienza nell'impiego della polizia giudiziaria e nell'uso delle risorse. Resta in ogni caso il controllo ex post: ''Il Csm verifica che il programma organizzativo sia rispondente alle norme dell'ordinamento giudiziario nonche' alle indicazioni consiliari relative alla loro applicazione; in caso negativo, formula i suoi rilievi e li trasmette sia al procuratore, sia al procuratore generale della Cassazione e al procuratore generale presso la Corte d'appello cui competono i poteri di vigilanza''. Secondo quanto dichiara Mancino la risoluzione eliminerÓ le ''difficolta' di rapporti interni alle procure e tra i diversi uffici e consentira' agli uffici requirenti di lavorare piu' speditamente'', prevedendo ''nei casi di revoca delle indagini o di rinuncia da parte del sostituto l'intervento del Csm''. Viene segnalata come fondamentale anche la norma che consente al sostituto di sollevarsi dall'incarico nel caso in cui si trova in dissenso con il Procuratore.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/07/2009 - Roberto Cataldi)
Le pi¨ lette:
» Avvocati: fino a mille euro per ogni figlio
» Quali beni non possono essere pignorati?
» Giovani avvocati: fino a tremila euro per master e titoli
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Condominio: per la telecamera sulle parti comuni l'unanimitÓ non serve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF