Sei in: Home » Articoli

Estorsione a domicilio: pregiudicato chede soldi per restituire auto rubata

Un 38enne sorvegliato speciale si è rpesentato sotto la casa del proprietario di un'auto rubata chiedendo soldi per la sua restituzione. E' successo ad Andria dove la locale compagnia dei Carabinieri è subito intervenuta arrestando il pregiudicato che dovrà ora difendersi dall'accusa di tentata estorsione. L'uomo è stato visto dai Carabinieri davanti al portone dello stabile dove era stato segnalato un tentativo di estorsione in atto. Alla vista dei militi il 38enne senza alcuna specifica richiesta, ha cercato di giustificare la sua presenza sul posto dichiarando di essere estraneo alla vicenda dell'auto rubata.
Una "excusatio non petita" che ha insospettito i Carabinieri e ha fatto scattare le manette. I militi dell'Arma, infatti, hanno sottoposto l'uomo ad un acccurato controllo rinvenendo nelle sue tasche parte di un tagliando assicurativo dell'auto rubata. Successivamente hanno anche accertato che il proprietario dell'auto, dopo il furto, aveva ricevuto numerose richieste estortive e non solo a mezzo telefono ma anche con visite dirette a domicilio. Il sorvegliato speciale è poi stato condotto nel carcere di Trani.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(11/07/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» Milleproroghe: le misure per gli avvocati
» Falsi certificati di malattia: carcere e multe fino a 1.600 euro anche per il medico
» Infortuni: arriva il reato di omicidio sul lavoro
» Il giudice può perquisire la borsa dell'avvocato
In evidenza oggi.
Infortuni: arriva il reato di omicidio sul lavoro
Avvocati sans papier: nessuna incompatibilità
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF