Sei in: Home » Articoli

Cassazione: la moglie può rifiutarsi di seguire il marito

Roma (Adnkronos) - La moglie puo' rifiutarsi di seguire il marito trasferito per motivi di lavoro. In caso di separazione, infatti, l'aver deciso di non andare a vivere con lui non puo' necessariamente essere motivo di colpa. La consorte non perdera' neppure il diritto all'assegno di mantenimento. Lo ha stabilito la Cassazione che ha respinto il ricorso di Giuseppe S., un sottufficiale della Guardia di Finanza che, dopo la separazione dalla moglie Maria Adele S., chiedeva che la colpa del crac matrimoniale fosse attribuita a lei che anziche' seguirlo aveva preferito tornare da mamma e papa'. Per la Suprema Corte pero' ''la violazione di stabilire concordemente il proprio domicilio puo' non giustificare da sola la pronuncia di separazione con addebito''.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(17/02/2003 - Adnkronos)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF