Sei in: Home » Articoli

Cassazione: niente più assunzioni di favore per mogli degli assessori

La Cassazione interviene per mettere un freno alle assunzioni di favore delle mogli degli assessori. Il monito della Corte è chiaro e inequivocabile: gli assessori debbono astenersi dal proporre l'assunzione delle proprie consorti al loro assessorato perchè, anche nel caso in cui l'assunzione non si verichi, si rischia una condanna per tentato abuso d'ufficio. D'ora in avanti dunque sarà necessario rispettare l'obbligo di astensione. L'avvertimento arriva dalla sesta sezione penale della Corte che con sentenza n. 26617/2009 ha ribaltato il verdetto dei giudici di merito che avevano in precedenza assolto un assessore accusato di aver proposto sua moglie come segretaria particolare del suo assessorato. Considerato che la donna non era stata poi assunta il GUP aveva ritenuto di dover prosciogliere l'imputato mancando la prova "dell'ingiustizia del vantaggio patrimoniale perseguito". La Procura ricorrendo in Cassazione ha sottolineato che in tal caso si deve configurare il tentativo di abuso d'ufficio che sussiste anche se non si realizza il vantaggio patrimoniale.
Secondo la Procura si sarebbe trattato di una "assunzione di favore effettuata in violazione della disposizione che impone agli assessori l'obbligo di astenersi". Accogliendo il ricorso la Corte ha rinviato il caso al Tribunale ricordando che "perche' si realizzi un tentativo" di abuso d'ufficio "e' necessario che la condotta posta in essere sia in violazione di norme di legge o di regolamento ovvero, come nel caso di specie, del dovere di astensione".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(27/06/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF