Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Cassazione. compenso Avvocato per ‘ricerca e studio'? Va liquidato solo per udienze di discussione

La Quarta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. n. 23889/2009) ha stabilito che il compenso dell'avvocato per le attività di ricerca e di studio, vanno pagate solo se poste in essere in occasione delle udienze effettivamente celebrate e in cui c'è stata la discussione. Gli Ermellini hanno infatti precisato che “il compenso per ‘esame e studio', prima della partecipazione all'udienza, è finalizzato a compensare lo sforzo intellettuale che il difensore deve svolgere per organizzare la sua linea difensiva in relazione alla dinamica del dibattimento che si va ad affrontare.
Orbene, nel caso in cui nell'udienza non si svolga alcuna attività processuale (mero rinvio) ovvero si proceda ad una mera lettura di atti già assunti in precedenza e già programmata, il difensore, in prospettiva di tali udienze nessuno sforzo di preparazione deve svolgere, valendo quello già fatto (e remunerato) per la prima udienza antecedente la mera rinvio o alla lettura”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/06/2009 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Infortuni: arriva il reato di omicidio sul lavoro
» Due multe da 286 euro e salvi la patente
» Bollo auto: se non paghi entro 3 anni radiazione sicura
» Avvocato e notaio: ecco le professioni più noiose
» Al via gli sportelli per fare ricorso senza avvocati
In evidenza oggi.
Al via gli sportelli per fare ricorso senza avvocati
Avvocati: via libera ai 6 mesi di pratica anticipata per i laureandi
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF