Sei in: Home » Articoli

Fecondazione: Tribunale Vigevano nega inseminazione da marito in coma

Il Tribunale di Vigevano ha detto no alla richiesta di una donna di poter concepire un figlio utilizzando il seme del marito che, per un tumore al cervello, si trova in uno stato di coma irreversibile. In un'intervista resa all'Adnkronos Salute, il difensore della donna, Avv. Claudio Diani ha dichiarato di non conoscere ancora le motivazioni del provvedimento ma che ricorrerà in appello contro questa decisione. Secondo Severino Antinori, il ginecologo che ha in cura la donna si tratta di "Una sentenza in contraddizione con quanto disposto precedentemente quando ci fu permesso di ottenere il liquido seminale dal paziente, per poi utilizzarlo su sua moglie". Antinori, attendeva infatti l'autorizzazione del tribunale per procedere all'inseminazione con il materiale biologico estratto dall'uomo in coma nello scorso mese di febbraio. "Non escludo - prosegue Antinori - che ora la donna decida di trasportare i gameti del suo partner all'estero e di risolvere li' la questione.
Quella del tribunale di Vigevano e' una decisione dettata da influssi religiosi, una sentenza crudele per una persona che desidera un figlio".
(04/06/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» La querela di falso
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
In evidenza oggi
In arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefonoIn arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefono
Giudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunaliGiudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunali
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF