Sei in: Home » Articoli

Soggezione all?Irpef dell?assegno di divorzio ?una tantum?

L'assegno di divorzio corrisposto "una tantum" è assoggettabile all'IRPEF. Lo ha affermato la Quinta Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 16462/02), ponendosi in contrasto con quanto costantemente ribadito dalle Commissioni Tributarie, le quali ritengono che l'assegno corrisposto "una tantum", al pari di quello periodico, sia deducibile dal reddito complessivo dell'obbligato. I Giudici del Palazzaccio, invece, hanno fatto una netta distinzione tra assegno periodico e assegno "una tantum", precisando che l'importo da corrispondere in forma periodica viene stabilito in base alla situazione esistente al momento della pronuncia, con la conseguente possibilità di una sua revisione in aumento o in diminuzione, mentre quanto versato una tantum, che non corrisponde necessariamente alla capitalizzazione dell'assegno periodico, viene concordato liberamente dai coniugi nel suo ammontare producendo l'effetto di rendere non più rivedibili le condizioni pattuite, le quali restano così fissate definitivamente.
Di conseguenza, deduce la Suprema Corte, l'attribuzione patrimoniale versata "una tantum" è assoggettata all'IRPEF.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/02/2003 - Marina Demaria)
Le più lette:
» Infortuni: arriva il reato di omicidio sul lavoro
» Bollo auto: se non paghi entro 3 anni radiazione sicura
» Revisioni auto: le novità per il 2017
» Avvocato e notaio: ecco le professioni più noiose
» Due multe da 286 euro e salvi la patente
In evidenza oggi.
Al via gli sportelli per fare ricorso senza avvocati
Avvocati: via libera ai 6 mesi di pratica anticipata per i laureandi
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF