Sei in: Home » Articoli

Cassazione: troppi soldi ai figli per mantenimento? Non diseducativo

Troppi soldi non hanno effetto diseducativo sui figli. Per questo se i genitori sono benestanti possono accontentare la prole su tutto accordandogli un cospicuo mantenimento. Parola di Cassazione. Secondo Piazza Cavour (sentenza 11538/2009) l'art. 147 del ''obbliga i genitori a far fronte ad una molteplicita' di esigenze, non riconducibili al solo obbligo alimentare, ma estese all'aspetto abitativo, culturale, scolastico, sportivo, sanitario, sociale, all'assistenza morale e materiale'', in una parola: ''alla opportuna predisposizione, fin quando l'eta' dei figli lo richieda, di una stabile organizzazione domestica, idonea a rispondere a tutte le necessita' di cura e di educazione''. Il caso preso in esame dalla Corte riguarda un padre separato a cui il Tribunale aveva imposto un mantenimento in favore di due figlie nella misura di 1.100 euro al mese per ciascuna di loro, con l'aggiunta del 50% delle spese per esigenze mediche. Pi sfortunata la moglie a cui l'ex marito doveva corrispondere la minore somma di Euro 500 mensili. In appello i Giudici avevano ridotto il mantenimento delle figlie a 600 euro ciascuna affermando che troppi soldi avrebbero potuto avere effetti diseducativi. Il caso finito in Cassazione dove la madre ha sostenuto che l'affermazione dei giudici di merito era ''apodittica, astratta, avulsa dalla realta' fattuale e giuridica'' e che le ''esigenze delle figlie erano molteplici e anche accresciute''. La Corte ha ora chiarito che non si pu sostenere che dare troppi soldi ai figli diseducativo.
Una simile affermazione anche se ''non affetta da illogicita' tuttavia non e' aderente al dettato normativo che impone di determinare la contribuzione considerando le esigenze della prole in rapporto al tenore di vita goduto in costanza di convivenza con entrambi i genitori'' e tenendo conto di ''risorse e redditi di costoro''. Il caso stato rinviato alla Corte d'Appello di Firenze che dovr rideterminare per le figlie l'assegno. Ovviamente in rialzo.
(21/05/2009 - Roberto Cataldi)
Le pi lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, s alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, s alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF