Sei in: Home » Articoli

INAIL: lezioni di sicurezza sul lavoro nelle carceri

Anche nelle carceri si parla di Sicurezza sul lavoro. Se ne parla in particolare agli alunni di una classe speciale del Regina Coeli. E' proprio ai detenuti del principale carcere circondariale di Roma, infatti, che è destinato questo corso di formazione sulla prevenzione organizzato dall'INAIL Lazio in collaborazione con la Scuola media inferiore Antonio Gramsci di Roma. L'insegnante Clarissa Guiggi, come si legge in un comunicato dell'INAIL ha dichiarato: "Questo progetto è stato possibile grazie all'incontro tra due persone. [...] Io stavo organizzando il corso per la licenza media ai detenuti e ho chiesto ai referenti dell'INAIL regionale se avevano materiale informativo sulle misure di sicurezza nei luoghi di lavoro. Mi hanno risposto che potevano fare molto di più: venire qui e fare dei corsi per la prevenzione". L'iniziativa, che ha coinvolto oltre cento detenuti del carcere romano, e che è stata voluta dalla struttura penitenziaria di Roma e dall' INAIL Lazio si propone l'obiettivo di insegnare ai detenuti comportamenti e misure di prevenzione da adottare in vista del reinserimento professionale. "Un'esperienza importante anche per noi" ha dichiarato Luisa Paesano, la responsabile del progetto per l'INAIL Lazio. "Questi corsi rientrano nell'ambito delle iniziative che facciamo per il reinserimento lavorativo delle persone. Molti detenuti, avendo un livello di scolarizzazione piuttosto basso, una volta usciti di prigione trovano lavoro nei settori più a rischio, come l'edilizia.
Per questo è importante che ricevano almeno una formazione di base sui pericolo che possono correre".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(19/05/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF