Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Giustizia: anche a Milano uno sportello degli avvocati del clochard

Apre anche a Milano uno sportello degli avvocati dei clochard. Si espande così la missione degli avvocati volontari che mettono a disposizione la propria professionalità a titolo gratuito a favore dei senza tetto. L'associazione "avvocato di strada" si era posta l'obiettivo di rendere il servizio operativo anche nelle due grandi città di Roma e Milano. A Roma l'obiettivo è stato realizzato qualche mese fa e ora è nata anche la nuova sede nel capoluogo lombardo. Lo sportello aperto tutti i martedì dalle 14 alle 16 è ospitato nella nuova sede del Sottopasso Tonale Pergolesi, sotto la Stazione centrale milanese, da "SOS Stazione Centrale". Gli avvocati volontari al servizio dei senza tetto sono ormai presenti in ben 19 città italiane. Fanno parte dell'associazione "avvocato di strada" circa 500 avvocati volontari che dal 2001 ad oggi hanno dato in via a più di 3000 pratiche. All'attività degli sportelli partecipano avvocati che, a rotazione, offrono consulenza e assistenza legale gratuita ai cittadini privi di dimora.
Vi sono poi volontari che si occupano della segreteria e della conduzione dell'ufficio. Altri legali, pur non partecipando direttamente all'attività dello sportello, danno la loro disponibilità a patrocinare gratuitamente uno o due casi all'anno riguardanti i senza tetto. Il progetto "Avvocato di strada", realizzato per la prima volta nell'ambito dell'Associazione "Amici di Piazza Grande", è nato a Bologna alla fine del 2000.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/05/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF