Sei in: Home » Articoli

Niente vacanze retribuite se non per seri motivi

Il Tribunale di Milano, con la sentenza n.1863 del 2001, ha stabilito che, per usufruire di permessi per ragioni familiari e personali, occorrono motivi di rilevante urgenza, necessità e serietà. Non rientra, dunque, tra tali motivi un semplice viaggio per ragioni di svago e di piacere. Il Tribunale ha così respinto il ricorso di un?insegnante che aveva chiesto l?annullamento delle sanzioni irrogatele per aver usufruito del beneficio al solo fine di andare in vancanza a Sharm El Sheikh.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(10/01/2002 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Mediazione e negoziazione assistita: casi di obbligatorietà e aspetti procedurali
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
» Milleproroghe: le misure per gli avvocati
» L'appello incidentale nel processo del lavoro
In evidenza oggi.
Falsi certificati di malattia: carcere e multe fino a 1.600 euro anche per il medico
Avvocati: nullità della notifica dell'atto di appello eseguita nei confronti del difensore non più iscritto all'albo
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF