Sei in: Home » Articoli

Disaccordo sul domicilio coniugale? Non sempre è motivo di addebito

La Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. 1744/2003) ha stabilito che la richiesta di separazione con addebito non può essere giustificata dalla violazione del dovere dei coniugi di stabilire concordemente il domicilio della famiglia, qualora alla rottura, abbiano contribuito altre cause. I Giudici di Piazza Cavour evidenziano infatti che ?la violazione del dovere di stabilire concordemente il proprio domicilio, ove anche possa considerarsi motivo di addebito, può non giustificare, da sola, la pronuncia di separazione con addebito qualora la rottura dei rapporti coniugali sia stata determinata indipendentemente dalla predetta violazione?. Precisa ancora la Corte che, per poter addivenire alla pronuncia di addebito, occorre che venga fornita la prova che il comportamento del coniuge contrario ai doveri familiari sia stato la causa che ha determinato l?intollerabilità della convivenza.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(12/02/2003 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF