Sei in: Home » Articoli

Risorse Umane: Il temporary manager

Per una azienda, specialmente se di medio-piccole dimensioni, non sempre può essere possibile assumere un dirigente o, comunque, può risultare antieconomico
Per una azienda, specialmente se di medio-piccole dimensioni, non sempre può essere possibile assumere un dirigente o, comunque, può risultare antieconomico. L'azienda può attraversare un momento particolare nel quale, per esigenze di riorganizzazione, trasformazione o di riordino delle proprie strutture, necessita della presenza di un manager, ma non in modo definitivo. L'utilizzo del dirigente, per di più, risponde a criteri sicuramente rigidi dal punto di vista della flessibilità dei tempi di lavoro anche in senso orizzontale, e nella snellezza e adattabilità alle circostanze reali delle modalità di realizzazione. A tutte queste esigenze risponde la figura del “temporary manager”, che non rappresenta una novità nel mondo del lavoro, perché da tempo è presente sullo scenario delle varie forme di management ma, in presenza di crisi economica e della produzione come oggi si verifica, riveste un ruolo di rinnovata centralità e proponibilità. Il temporary manager, capovolgendo il discorso ed osservando il fenomeno dall'altro punto di vista, è una figura di professionista che prende in mano la direzione dell'intera azienda o di un settore di essa quando se ne presenti la necessità, e conclude la sua attività quando il proprio intervento su quella unità produttiva può considerarsi compiuto o condotto a termine, perché il risultato che era nelle intenzioni è stato raggiunto. Lavora di solito secondo una formula contrattuale molto flessibile anche nell'utilizzo giornaliero o addirittura a partita IVA: di conseguenza non si dà adito a tempi morti di inutile stallo retribuito e, nell'arco della giornata, è presente soltanto per il tempo necessario. Ma la caratteristica principale è che, esaurito il suo ruolo ed i suoi compiti così come individuati dagli accordi iniziali o subentrati nel corso dello svolgimento della prestazione, interrompe definitivamente il rapporto e si mette in cerca di un'altra azienda che possa aver bisogno del suo contributo professionale. Il far capo ad associazioni e organizzazioni specialistiche gli permette, generalmente, di non rimanere troppo tempo inattivo tra un incarico e l'altro: questa circostanza, come è ovvio, dipende dalla sua immagine sul mercato, ma soprattutto dalla apprezzabilità delle sue capacità professionali e di adeguato propositore di se stesso. Può arrivare ad ottenere retribuzioni anche piuttosto elevate e superiori a quelle della media dei dirigenti.



Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(31/03/2009 - Aldo Carpineti)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF