Sei in: Home » Articoli

Risorse Umane: Il temporary manager

Per una azienda, specialmente se di medio-piccole dimensioni, non sempre può essere possibile assumere un dirigente o, comunque, può risultare antieconomico
Per una azienda, specialmente se di medio-piccole dimensioni, non sempre può essere possibile assumere un dirigente o, comunque, può risultare antieconomico. L'azienda può attraversare un momento particolare nel quale, per esigenze di riorganizzazione, trasformazione o di riordino delle proprie strutture, necessita della presenza di un manager, ma non in modo definitivo. L'utilizzo del dirigente, per di più, risponde a criteri sicuramente rigidi dal punto di vista della flessibilità dei tempi di lavoro anche in senso orizzontale, e nella snellezza e adattabilità alle circostanze reali delle modalità di realizzazione. A tutte queste esigenze risponde la figura del “temporary manager”, che non rappresenta una novità nel mondo del lavoro, perché da tempo è presente sullo scenario delle varie forme di management ma, in presenza di crisi economica e della produzione come oggi si verifica, riveste un ruolo di rinnovata centralità e proponibilità. Il temporary manager, capovolgendo il discorso ed osservando il fenomeno dall'altro punto di vista, è una figura di professionista che prende in mano la direzione dell'intera azienda o di un settore di essa quando se ne presenti la necessità, e conclude la sua attività quando il proprio intervento su quella unità produttiva può considerarsi compiuto o condotto a termine, perché il risultato che era nelle intenzioni è stato raggiunto. Lavora di solito secondo una formula contrattuale molto flessibile anche nell'utilizzo giornaliero o addirittura a partita IVA: di conseguenza non si dà adito a tempi morti di inutile stallo retribuito e, nell'arco della giornata, è presente soltanto per il tempo necessario. Ma la caratteristica principale è che, esaurito il suo ruolo ed i suoi compiti così come individuati dagli accordi iniziali o subentrati nel corso dello svolgimento della prestazione, interrompe definitivamente il rapporto e si mette in cerca di un'altra azienda che possa aver bisogno del suo contributo professionale. Il far capo ad associazioni e organizzazioni specialistiche gli permette, generalmente, di non rimanere troppo tempo inattivo tra un incarico e l'altro: questa circostanza, come è ovvio, dipende dalla sua immagine sul mercato, ma soprattutto dalla apprezzabilità delle sue capacità professionali e di adeguato propositore di se stesso. Può arrivare ad ottenere retribuzioni anche piuttosto elevate e superiori a quelle della media dei dirigenti.



(31/03/2009 - Aldo Carpineti)
Le più lette:
» Autovelox: obbligo di doppia segnalazione
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Legge Gelli-Bianco: un quadro di sintesi della riforma della responsabilità medica
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Avvocatura: professione prestigiosa ma ferita dalla crisiAvvocatura: professione prestigiosa ma ferita dalla crisi
Multa di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minoriMulta di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minori
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF