Sei in: Home » Articoli

Cassazione: pensione di reversibilitÓ anche al coniuge separato per colpa

Anche il coniuge separato a cui sia stata addebitata la colpa della separazione ha diritto alla pensione di reversibilitÓ dell'ex coniuge. Lo stabilisce la Corte di Cassazione (sentenza 6684/2009) affermando che l'ex deve essere "equiparato sotto ogni profilo al coniuge superstite (separato o non) e in favore del quale opera la presunzione legale di vivenza a carico del lavoratore al momento della morte, assolvendo alla funzione di sostentamento in precedenza indirettamente assicurata dalla pensione in titolaritÓ del coniuge superstite titolare dell'assegno". Sulla scorta di questo principio, giÓ in precedenza sancito dalla Corte Costituzionale (nel 1987), la sezione Lavoro della Corte ha accolto il ricorso di una signora separata che nei due precedenti gradi del giudizio si era vista negare il diritto alla pensione di reversibilitÓ sulla base del fatto che in fase di separazione le era stata addebitata la colpa della crisi matrimoniale.
I giudici di merito avevano respinto le richieste della donna sulla base del fatto che per avere le il riconoscimento di tale diritto occorreva che "il coniuge superstite fosse trovato a carico del coniuge defunto in modo continuativo e non occasionale, al momento della sua morte, sicche' potesse giustificarsi la continuita' del sostentamento del famigliare bisognoso". Di diverso avviso la Cassazione che ha invece accolto il ricorso della donna rinviando il caso alla Corte territoriale che dovrÓ ora riconoscere il diritto alla pensione di reversibilitÓ alla donna in quanto l'assegno "va riconosciuto non solo al coniuge separato in favore del quale il pensionato defunto era tenuto a corrispondere un assegno di mantenimento, ma anche al coniuge separato per colpa o con addebito".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(26/03/2009 - Roberto Cataldi)
Le pi¨ lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'Ŕ dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignitÓ delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF