Sei in: Home » Articoli

Cassazione: i continui rimproveri al dipendente sono mobbing

I continui e ripetuti rimproveri al dipendente fatti sul luogo di lavoro sono una forma di mobbing e danno diritto al risarcimento del danno. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione (sentenza 6907/2009) che ha confermato la condanna al risarcimento del danno biologico di € 9.500 in favore di un'impiegata che per nove mesi era stata oggetto di ripetuti rimproveri davanti ai suoi colleghi di lavoro. La vicenda si era conclusa anche con il licenziamento. Già la corte d'appello di Milano aveva ordinato la reintegrazione nel posto di lavoro riconoscendo alla donna i danni per aver subito mobbing e ciò sulla base della considerazione che i rimproveri orali da parte dei superiori venivano effettuati con toni pesanti ed in modo tale che potessero essere ascoltati anche dagli altri colleghi di lavoro. La donna, che era stata assunta come centralinista per poi passare alla gestione dei cartellini e alla elaborazione delle agende dell'azienda, era stata presa di mira dalla responsabile dell'azienda che le aveva anche consigliato di trovarsi un nuovo lavoro. Ne erano seguite tre contestazioni che avevano poi portato al licenziamento.
I giudici di merito avevano ritenuto eccessivo il provvedimento di espulsione ed avevano accordato anche il richiesto risarcimento sulla base del fatto che i continui rimproveri le avevano procurato un danno biologico. Ricorrendo in Cassazione l'azienda aveva sostenuto che la donna era stata licenziata perché non avrebbe eseguito con diligenza le prestazioni che le erano state affidate e che i richiami che avevano condotto al licenziamento erano derivati “dall'errata compilazione del prospetto trimestrale delle presenze e delle assenze di un dipendente, dall'errata aggiornamento della gente aziendale e dalla sbagliata distribuzione della posta”. La Corte ha respinto il ricorso ritenendo corretta la valutazione dei giudici di merito anche in relazione al fatto che le vessazioni da parte della societa' nei confronti della dipendente sono da considerarsi tali dal poter dar luogo al risarcimento dei danni da mobbing.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(25/03/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF