Sei in: Home » Articoli

Cassazione: guida in stato di ebbrezza? Sono leciti gli screening in strada

La Quinta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. n. 8805/2009) ha stabilito che sono legittimi i controlli screening sugli automobilisti per il controllo alcolemico fatti per strada dalla polizia dotata di apparecchiature portatili senza la necessità che il conducente venga accompagnato la più vicino commissariato. Gli Ermellini hanno infatti precisato che “l'esito positivo degli accertamenti con apparecchi portatili non costituisce fonte di prova per l'accertamento del reato in stato di ebbrezza alcolica, ma rende solo legittimo il successivo accertamento tecnico mediante etilometro (strumentazione omologata), in grado di certificare, a fini legali, il valore del tasso alcolemico nel sangue”.
Aggiunge poi la Corte che “né a diversa conclusione sul punto può indurre il rilievo che l'accertamento di cui al quarto comma, ‘con strumenti e procedure determinati dal regolamento', avvenga ‘sul posto, cioè sulla strada', come, nella specie, riporta il provvedimento impugnato: l'accompagnamento ‘presso il più vicino ufficio o comando' (indicato nello stesso quarto comma) non ha connotazioni di necessità ed indispensabilità, come è dimostrato dalla espressione ‘anche' ivi contenuta, sicché, in definitiva nulla osta a che anche l'accertamento con ‘strumenti e procedure determinati dal regolamento' possa avvenire ‘sul posto, cioè sulla strada', ed anche senza procedere ad accertamenti preliminari ‘qualitativi (non quantitativi) non invasivi”. Infine la Corte ha ribadito che “l'accertamento mediante l'apparecchio etilometro è espressamente previsto e disciplinato dall'art. 379 del Regolamento del Codice della Strada di cui al D.P.R. 16 dicembre 1992, n. 495: tale accertamento, quindi, rifluisce nella previsione del quarto comma della norma incriminatrice, richiamato dal sesto comma a comprova dello stato di ebbrezza”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(03/03/2009 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF