Sei in: Home » Articoli

Contribuenti.it: 50% famiglie italiane vivono con meno di 1850 euro al mese

Secondo quanto rende noto l'Associazione Nazionale Contribuenti, il 50% delle famiglie italiane vive con meno di 1850 euro al mese. Dall'indagine che ha toccato le principali città italiane, è emerso che le famiglie che hanno maggiori difficoltà sono i nuclei familiari con tre o più minori, quelli monoparentali con figli a carico e, infine, i nuclei composti da soli anziani. Non ci sono sorprese poi se si vanno ad analizzare i dati riferiti alle diverse parti d'Italia: al sud, le famiglie godono di un reddito disponibile, inferiore del 31% rispetto alle famiglie del nord Italia. In generale il 25% delle famiglie italiane che sono state intervistate dall'associazione, grazie all'impegno dello Sportello del Contribuente, ha dichiarato di non riuscire ad arrivare a fine mese.
“Bisogna subito ridurre drasticamente il peso delle tasse sul 50% delle famiglie – afferma Vittorio Carlomagno presidente di Contribuenti.it Associazione Contribuenti Italiani – Questo è il principale incentivo di cui l'economia italiana ha bisogno, per riportare serenità e fiducia e rilanciare i consumi”. La situazione peggiora se si va ad analizzare la situazione delle famiglie numerose, con tre o più figli a carico: nel 2008 la percentuale delle famiglie che hanno dichiarato di avere difficoltà economiche è cresciuta dal 31,2% del 2007 al 36,3%. Il 47% dei nuclei familiari numerosi, contro il 42% dell'anno 2007, ha dichiarato di non poter affrontare spese economiche inattese.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(26/02/2009 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF