Sei in: Home » Articoli

Mobbing: una lacuna da colmare

Rispetto ad altri Paesi (europei e non), in Italia è solo da pochi anni che si parla di mobbing in ambito lavorativo. In questi anni, i Giudici del Lavoro sono arrivati a riconoscere l'esistenza del mobbing, fornendone – sentenza dopo sentenza – una definizione sempre più precisa e ‘tecnica': mobbing quale comportamento illecito del datore di lavoro (e, spesso, dei colleghi) protratto nel tempo, preordinato e finalizzato all'emarginazione, all'eliminazione del lavoratore. Secondo l'evoluzione giurisprudenziale, si ha mobbing in presenza di precisi criteri, oggettivi e soggettivi, che possono così essere riassunti: il carattere persecutorio e discriminatorio della condotta datoriale, il protrarsi nel tempo di tale condotta (almeno sei mesi, anche se l'estensione temporale è da valutare caso per caso) e il preciso intento vessatorio del datore di lavoro. Si parla, in concreto, di demansionamento o dequalificazione professionale, di carico eccessivo di lavoro o di completo svuotamento delle mansioni, di visite fiscali ‘a pioggia', di molestie e di tutti quei comportamenti, commissivi e omissivi, che – seppur in sé leciti o da soli giuridicamente insignificanti – diventano rilevanti in un contesto d'insieme. Gli effetti negativi del mobbing non sono legati soltanto alla sfera economica e professionale (ad esempio, l'autoeliminazione della vittima che molto spesso si dimette), ma possono essere ben più gravi. Il mobbing determina lo svilimento della personalità professionale e della dignità umana e può provocare disturbi psicofisici, perdita di fiducia e di autostima e altre conseguenze devastanti che finiscono inevitabilmente col ripercuotersi nella sfera sociale, personale, familiare, spesso intima, del lavoratore vittima di mobbing. Mi occupo di mobbing dal mio primo giorno di pratica, ancor prima di diventare avvocato. Devo dire, in base alla mia esperienza, che è tutt'altro che facile fornire la prova del mobbing. Spesso è addirittura impossibile (soprattutto se la prova si basa su testimonianze di colleghi che continuano a lavorare per il ‘mobber'). E' difficile, nel corso di un processo, acquisire elementi di prova sufficienti perché il Giudice possa ritenere esistente, nel singolo caso, la condotta mobbizzante. A volte, mi rendo conto di quanto sia addirittura difficile per lo stesso lavoratore distinguere l'ordinario esercizio del potere direttivo e disciplinare del datore dall'illecito comportamento persecutorio. Nemmeno la prova del danno da mobbing è facile. Occorre infatti accertare e dimostrare, con l'aiuto della medicina legale, l'esistenza di una patologia di natura psicofisica che sia strettamente collegata sul piano causale alla condotta datoriale illecita. In Italia, nonostante l'ormai avvenuta ‘consacrazione' giurisprudenziale, manca ancora una legge sul mobbing. Questa lacuna, a mio parere, non aiuta né le vittime del mobbing né i Giudici del Lavoro che hanno davvero pochi strumenti per valutare e ‘misurare' al meglio questo fenomeno che – dati alla mano – è sempre più diffuso. Il fatto che il mobbing sia difficile da provare e il fatto che manchi una legge ad hoc, non significa, però, che il mobbing non esista, come sostiene qualcuno, né che non valga la pena discuterne in un'aula di Tribunale. Sono sempre più numerose, infatti, le sentenze a favore di lavoratori vittime di mobbing, sentenze che sembrano quasi preparare il terreno per l'auspicabile intervento legislativo.
Per contattare l'autore di questo articolo:
segreteria@studiolegalemmr.com
Vedi il profilo professionale di Maximilian Maria Russo (avvocato)
(23/02/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Multa di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospetto
» Pensioni: allo studio lo sconto di tre anni per l'uscita anticipata delle donne
» Per amici e parenti l'avvocato può anche lavorare gratis
» Ciclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metri
» Separazione: va mantenuta la ex disoccupata anche se può trovarsi un lavoro
In evidenza oggi
Divorzio: addio all'assegno alla moglie che va a stare con un altroDivorzio: addio all'assegno alla moglie che va a stare con un altro
Come si redige il ricorso per Cassazione? La "road map" in una sentenza della Suprema CorteCome si redige il ricorso per Cassazione? La "road map" in una sentenza della Suprema Corte
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF