Sei in: Home » Articoli

Cassazione: anche dare delle "mezze maniche" è una ingiuria

Ancora una volta la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi in materia di ingiurie ponendo questa volta un limite al potere gerarchico dei datori di lavoro. Questi hanno si il potere di richiamare i propri dipendenti ma non posso arrivare ad ingiuriarli. Per questo secondo la Corte dare delle “mezze maniche” ai propri dipendenti intera gli estremi del reato di ingiuria giacché offende l'onore o il decoro della persona. Ed è proprio in ambito lavorativo che si deve avere particolare attenzione a distinguere tra ciò che costituisce un legittimo “richiamo” del dipendente e ciò che invece sconfina dai limiti della correttezza del rispetto della dignità umana.
Non si può dunque legittimare l'uso di espressioni offensive, neppure se fanno parte del linguaggio corrente ed è per questo che occorre moderare i toni per evitare che una critica possa sfociare in un'offesa per il lavoratore che nulla ha a che fare il potere di correzione e disciplinare. La Corte, con sentenza 6758/2009, nel caso preso in esame ha evidenziato che alcune espressioni utilizzate dal datore di lavoro nell'ambito di un formale richiamo ai suoi dipendenti contenevano una valenza offensiva e mortificatrice della persona che è andata ben oltre il legittimo esercizio di una facoltà di critica in ambito lavorativo.
(19/02/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF