Sei in: Home » Articoli

Cassazione: processo verbale di contestazione? La produzione in giudizio è onere del Fisco

La Sezione Tributaria Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 3456/2009) ha stabilito che è onere del Fisco produrre in giudizio il processo verbale di contestazione della Guardia di Finanza anche se serve al cittadino per difendersi e anche se prima dell'entrata in vigore dello Statuto del contribuente.
Gli Ermellini hanno quindi affermato il seguente principio di diritto “in relazione agli atti impositivi notificati prima dell'entrata in vigore della legge 212/2000, per i quali non era necessaria la contestuale notifica del p.v.c. richiamato in motivazione, il contribuente non ha l'onere di produrre in giudizio il p.v.c. richiamato, trattandosi di adempimento che anche in sede contenziosa, grava sull'ufficio” e che “il mancato deposito del p.v.c., non soltanto non produce effetti negativi a carico del contribuente (restando un onere che deve soddisfare l'ufficio), ma nemmeno rileva come possibile causa di inammissibilità del ricorso: ‘la sanzione processuale della inammissibilità del ricorso è disposta soltanto nel caso di mancato deposito degli atti e documenti previsti dal primo comma dell'art. 22 d.lgs. 546 del 1992 (tra i quali è compreso l'originale o la fotocopia dell'atto impugnato), non anche degli atti previsti dal quarto comma dello stesso articolo; ne consegue che l'originale o la fotocopia dell'atto impugnato può essere prodotto anche in un momento successivo ovvero su impulso del giudice tributario, che si avvalga dei poteri previsti dal quinto comma dell'articolo citato”.
(18/02/2009 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Multa di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospetto
» Pensioni: allo studio lo sconto di tre anni per l'uscita anticipata delle donne
» Per amici e parenti l'avvocato può anche lavorare gratis
» Ciclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metri
» Separazione: va mantenuta la ex disoccupata anche se può trovarsi un lavoro
In evidenza oggi
Avvocati: fino a 500 euro al mese di contributi per pagare i praticantiAvvocati: fino a 500 euro al mese di contributi per pagare i praticanti
Giudizio di cassazione e adunanza camerale: se il controricorso è tardivo, la memoria ora è ammissibileGiudizio di cassazione e adunanza camerale: se il controricorso è tardivo, la memoria ora è ammissibile
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF