Sei in: Home » Articoli

Determinazione della misura percentuale della retribuzione percepita nel 2008 dai lavoratori dipendenti delle imprese di trasporto merci a titolo di prestazioni di lavoro straordinario che non concorre alla formazione del reddito imponibile

L'art. 83-bis,comma 25, del D.L. n. 112/2008 convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133 ha previsto, nel limite di spesa di 30 milioni di euro, la non concorrenza nella formazione del reddito imponibile ai fini fiscali e contributivi di una percentuale delle somme percepite nel 2008, per prestazioni di lavoro straordinario, effettuate nel medesimo anno, dai lavoratori addetti alla guida dipendenti dalle imprese autorizzate al trasporto merci. La misura della predetta percentuale, da determinarsi, secondo quanto disposto dal comma 27 del medesimo articolo, con apposito provvedimento del direttore dell' Agenzia delle entrate (di concerto con il Ministero del lavoro) è stata fissata, in data 26 novembre 2008, nella misura del 28% (v. allegato). La norma individua una nuova fattispecie, limitatamente all'anno 2008, di esclusione dalla formazione dell'imponibile fiscale e contributivo che si aggiunge a quelle elencate tassativamente nell'art. 51, comma 2, del TUIR. Pertanto, le somme dovute, per l'anno 2008, alla predetta categoria di lavoratori per le prestazioni di lavoro straordinario, effettuate nel corso del medesimo anno, non concorrono, nella misura del 28%, alla determinazione del reddito di lavoro dipendente ai fini contributivi . Per quanto riguarda gli adempimenti procedurali si precisa che l'importo esente da contribuzione previdenziale e assistenziale deve essere indicato separatamente nel modello di certificazione unica (CUD) e nella dichiarazione dei sostituti d'imposta (770).
Vedi allegato
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(18/02/2009 - www.laprevidenza.it)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF