Sei in: Home » Articoli

Cassazione: bigliettini d'amore? Sono fonte di prova nel giudizio di separazione

Si dice che spesso in amore si mente, ma quando si scrivono biglietti d'amore al proprio partner conviene essere sinceri. Anche una lettera d'amore infatti può diventare una valida fonte di prova nell'ambito di un giudizio di separazione. La Corte di Cassazione in proposito (sentenza 2707/2009) ha ritenuto legittima la decisione dei giudici di merito di fondare il proprio convincimento sulla base della fitta corrispondenza che vi era stata tra una coppia prima del tradimento di lui. Da quelle lettere i giudici hanno desunto che l'adulterio fosse stata la reale causa della crisi della coppia e del turbamento dell'armonia familiare. Giudicato colpevole per aver tradito la moglie i giudici di merito avevano addebitato a lui la separazione, avendo in tal modo rovinato l'armonia coniugale che risultava dalla "affettuosa corrispodenza intercorsa tra le parti fino ai primo mesi del 1996" quando appunto lui aveva intrapreso una relazione extraconiugale, trasferendosi nella casa della nuova compagna. Secondo la Corte i giudici di merito hanno correttamente accertato che i rapporti tra i due "furono caratterizzati da perfetta armonia e da particolare affetto fino ai primi mesi del 1996, in cui lui intraprese una relazione extraconiugale". E ciò lo dimostrano "i biglietti particolarmente affettuosi e redatti con un linguaggio tipico di innamorati, inviati dal marito alla moglie". Di ciò non poteva non tenersi conto nel decidere sull'addebito.
Lui ora dovrà corrispondere alla ex moglie un assegno mensile di circa 2500 euro al mese.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(07/02/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF