Sei in: Home » Articoli

Giustizia: Ami, anche il diritto di famiglia Ŕ in emergenza

L'emergenza giustizia si fa sentire anche all'interno di settori specifici come quello del diritto di famiglia. Giudizi lumaca, confusione delle prassi del divorzio, discriminazioni sono le note dolenti che evidenzia l'Associazione matrimonialisti italiani riunita in questi giorni in un convengo a Roma. Ci˛ di cui si vuole discutere sono i problemi in cui versa il settore e a necessitÓ di istituire un tribunale specifico che si occupi del diritto di famiglia. Il presidente dell'Ami, Gian Ettore Gassani, ha detto in proposito: ''Non e' piu' possibile avere tre giudici e prassi diverse a seconda del Tribunale italiano dove sono in corso queste cause [...] cio' mette in difficolta' gli avvocati, quindi i cittadini''. I matrimonialisti si sono dichiarati favorevoli alla proposta del Governo di istituire un Tribunale della famiglia che abbia l'obiettivo di ''abbattere la discriminazione immorale e incostituzionale tra figli legittimi e naturali''. Posizioni pi¨ scritiche sono state prese sulla proposta di eliminare il giudice minorile in sede penale per la specificitÓ del settore.
Al dibattito sono intervenuti anche il presidente del Consiglio nazionale forense, Guido Alpa, il presidente dell'ordine degli avvocati di Roma, Alessandro Cassiani e il presidente dell'Anm, Luca Palamara, tutti concordi sulla necessitÓ di rimettere ordine sulla materia.
(29/01/2009 - Roberto Cataldi)
Le pi¨ lette:
» La buona fede contrattuale
» Decreto ingiuntivo: quando si prescrive?
» Rumori in condominio: quando possono fondare il reato di disturbo della quiete
» Avvocati: online la nuova banca dati gratuita
» Fino a 169 euro di multa per chi guida troppo piano
In evidenza oggi
Papa: societÓ "stolta" che costringe i vecchi a lavorare e i giovani a restare disoccupatiPapa: societÓ "stolta" che costringe i vecchi a lavorare e i giovani a restare disoccupati
Radiato dall'albo l'avvocato senza moraleRadiato dall'albo l'avvocato senza morale
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF