Sei in: Home » Articoli

Al protesto anche gli assegni postali

D'ora in avanti anche gli assegni postali potranno essere protestati. E' quanto stabilisce un Decreto del Presidente della Repubblca (n.298/2002) entrato in vigore il 31 gennaio scorso che ha così equiparato gli assegni postali a quelli bancari. E' solo per mezzo del protesto che si rende possibile esercitare la cosiddetta azione di regresso e di rivalersi, in caso di inesigibilità dell'assegno per mancata copertura, contro il traente, i giranti e gli altri obbligati. La nuova disciplina dovrebbe favorire l'integrazione dei due mezzi di pagamento e far guadagnare una maggiore fiducia del pubblico sul titolo.
Vai al testo del provvedimento
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/02/2003 - Francesca Romanelli)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» In bus senza biglietto: non scendere è reato
» Casalinga quarantenne: sì al mantenimento anche se in grado di lavorare
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF