Sei in: Home » Articoli

Cassazione: danno da fumo, occorre prova rigorosa anche del nesso di causalità

La Corte di Cassazione intervenendo in materia di risarcibilità del danno da fumo di sigarette “light”, ha accolto il ricorso della British American Tobacco annullando la una sentenza del Giudice di Pace di Napoli che aveva riconosciuto il diritto al risarcimento del danno. Secondo la Corte, che non esclude in linea di principio la risarcibilità del danno, chi intende ottenerlo deve fornire la prova rigorosa del nesso di causalità tra l'evento e il danno, del dolo o almeno della colpa della Societa' produttrice, ed infine dell'esistenza e dell'ingiustizia del danno. In buona sostanza la Corte non fa che richiamare di fatto il principio contenuto nell'art. 2697 del codice civile (Onere della prova) in base al quale “chi vuol far valere un diritto in giudizio deve provare i fatti che ne costituiscono il fondamento”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(20/01/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Divorzio: arrivano gli hotel che aiutano le coppie a lasciarsi
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Accesso agli atti: dalla legge 241 alla riforma Madia
In evidenza oggi
Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionaliRisarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
Gratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocatiGratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocati
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF