Sei in: Home » Articoli

Cassazione: legittimo licenziamento di chi lede prestigio e immagine dell'azienda

La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione (Sentenza n. 29008/2008) occupandosi del caso di un lavoratore che nel corso di tre assemblee pubbliche si era lanciato in esternazioni di discredito nei confronti dell'azienda in cui lavorava, ha stabilito che un simile comportamento, quando va oltre il diritto di critica e si traduce in una condotta gravemente offensiva della professionalitÓ dell'azienda, deve essere considerato come una violazione dell'obbligo di fedeltÓ di cui all'articolo 2105 del codice civile. Tale norma impone al prestatore di lavoro, tra le altre cose, di non divulgare notizie attinenti all'organizzazione e ai metodi di produzione dell'impresa, o farne uso in modo da poter recare ad essa pregiudizio. Nel caso esaminato dalla Corte oltretutto le esternazioni del dipendente erano finite sulla stampa locale. Legittimo dunque, secondo gli ermellini il licenziamento deciso dal datore di lavoro essendosi verificata ai sensi del'art. 2119 una causa che non consente la prosecuzione, anche provvisoria, del rapporto.
(04/01/2009 - Roberto Cataldi)
Le pi¨ lette:
» I procedimenti in camera di consiglio
» ResponsabilitÓ medica: reato di omicidio per il sanitario che sbaglia il triage
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Leva obbligatoria per 8 mesi: la proposta al Senato
» Studi legali: addio al chiuso per ferie
In evidenza oggi
Avvocati e professionisti: i versamenti sul conto corrente vanno giustificatiAvvocati e professionisti: i versamenti sul conto corrente vanno giustificati
Divorzio: il risparmio del marito sul mantenimento dei figli non giova all'ex moglieDivorzio: il risparmio del marito sul mantenimento dei figli non giova all'ex moglie
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF