Sei in: Home » Articoli

Immigrazione: Inca-Cgil impugna decreto flussi 2008. E' discriminatorio

Il patronato Inca-Cgil ha impugnato il decreto flussi 2008 per chiederne l'annullamento parziale. Del ricorso si occuperà il Tar del lazio e la discussione è già fissata per il 14 gennaio prossimo. La decisione del patronato di impugnare il decreto è nata per il fatto che il provedimento nel prevedere le nuove quote di ingresso per i lavoratori stranieri sulla base dei flussi determinati per lo scorso anno, ha "rimodellato , rispetto a quanto previsto per il 2007, i requisiti soggettivi che gli aspiranti datori di lavoro debbono possedere per il buon esito della procedura". In sostanza i datori di lavoro extracomunitari che non sono titolari della carta di soggiorno, non potranno partecipare alla distribuzione delle nuove quote.
Ma non basta, per i soli datori di lavoro stranieri che intendono assumere, è stata prevista una procedura di conferma, che scade il 3 gennaio 2009. Secondo la Cgil si tratta di norme "punitive e contrarie alle leggi" norme che, spiega l'Inca "mortificano il dinamismo degli immigrati stranieri, in prima linea nel creare posti di lavoro".
(26/12/2008 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
» Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
» Il pignoramento
» Pipì in strada, multa da 10mila euro
» Bonus nascita: dal 4 maggio le domande per gli 800 euro
In evidenza oggi
Bonus nascita: dal 4 maggio le domande per gli 800 euroBonus nascita: dal 4 maggio le domande per gli 800 euro
Controllare il conto degli avvocati viola la CEDUControllare il conto degli avvocati viola la CEDU
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF