Sei in: Home » Articoli

Trasferimento ingiustificato del lavoratore

Il datore di lavoro che intende trasferire ad altra sede un suo dipendente deve adottare un provvedimento che sia adeguatamente giustificato secondo le previsioni dell?art. 2103 del codice civile. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione (Sentenza 18209 del 20 dicembre 2002) precisando che in mancanza si determina una nullità del provvedimento stesso e la condotta del datore di lavoro può costituire ?un inadempimento parziale del contratto di lavoro, con la conseguenza che la mancata ottemperanza allo stesso provvedimento da parte del lavoratore trova giustificazione sia quale attuazione di un'eccezione di inadempimento (articolo 1460 c.c.), sia sulla base del rilievo che gli atti nulli non producono effetti?. La Corte, inoltre, chiarisce che non esiste nessuna presunzione di legittimità dei provvedimenti aziendali, tale da imporre l'ottemperanza agli stessi fino a un contrario accertamento in giudizio.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(29/01/2003 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Avvocati: la pennichella può aiutare a vincere le cause
» Telecamere negli ospizi: approvata la prima legge regionale
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Milleproroghe: approvate le norme sugli avvocati
» Avvocati: via libera alla rottamazione dei debiti con la Cassa
In evidenza oggi.
Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
Biotestamento: arriva il diritto alla sedazione profonda?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF