Sei in: Home » Articoli

Scuola: approvati dal Consiglio dei Ministri i decreti attuativi

Il Consiglio dei Ministri ha approvato i decreti attuativi sulla scuola della riforma Gelmini. La riforma sarà operativa per le elementari e le medie già da settembre 2009 mentre per le superiori la riforma slitta al 2010 Alle elementari ci sarà dunque il maestro unico di riferimento con l'abolizione del modulo a più maestri. Si studierà di più l'inglese che alle superiori diventa obbligatorio per i cinque anni. Alle medie le ore di inglese potranno arrivare a 5. Nella scuola del'infanzia sarà possibile iscrivere i bambini già all'età di 2 anni e mezzo. Niente più frammentazione dei percorsi alle superiori. Da oltre 700 indirizzi attuali si passerà a 20 indirizzi di cui undici negli istituti tecnici e nove nei licei. E' prevista allo stesso tempo l'introduzione di due nuovi licei: scienze umane (le ex magistrali) e musicale e coreutica Il liceo Artistico sarà invce ampliato con tre indirizzi figurativo, design e new media. Sempre alle superiori ci sarà l'opportunità per gli studenti del quinto anno di svolgere degli stage in azienda. I docenti a partire dal 2011 potranno ricevere un premio di produzione fino a 7.000 euro all'anno.
Vedi il testo della riforma Gelmini

Qui di seguito il video di un'intervista del Ministro Gelmini a Sky tg 24


(18/12/2008 - Notiziario)
Le più lette:
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
» Avvocato madre: arriva il legittimo impedimento per legge
» Divorzio: scacco matto all'assegno per la ex
» Divorzio finto per pagare meno tasse: sono oltre 6mila
» Legge 104: nuove regole per chiedere i permessi
In evidenza oggi
Addio, Professore!Addio, Professore!
Separazioni online: le prime a VicenzaSeparazioni online: le prime a Vicenza
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo