Sei in: Home » Articoli

Ministero Pari Opportunità: scatola rosa per donne al volante

Il Ministero delle Pari Opportunità e la Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale hanno siglato una convenzione con il Comune di Milano (dopo aver sottoscritto un Protocollo d'Intesa) e hanno promosso una Campagna per la distribuzione di un dispositivo satellitare cd. scatola rosa per le donne al volante e ciò al fine di contrastare i rischi che le donne corrono sulle strade: incidenti, guasti meccanici e, peggio ancora, aggressioni ed atti di violenza. La scatola rosa consente un collegamento costante e continuo (24 ore su 24) con una centrale operativa che rileva, in tempo reale, un eventuale incidente. In casi di guasto meccanico o di aggressione, invece, la guidatrice può chiedere soccorso immediato premendo un apposito pulsante in auto o usando un telecomando, attivabile nei pressi del veicolo di appartenenza.
Il congegno contiene un dispositivo satellitare GPS che consente alla centrale di localizzare il veicolo per fornire immediate indicazioni alle Forze dell'Ordine, richiedere il pronto intervento meccanico o il soccorso sanitario. Nelle prossime settimane lo strumento verrà consegnato a mille donne residenti nella città di Milano ed altrettante di Roma. Le donne (che verranno scelte tra le residenti nei quartieri più ad alto rischio di aggressione) potranno istallare gratuitamente a bordo delle proprie auto questi speciali trasmettitori con un canone che, per i primi 3 anni, verrà finanziato dalla Fondazione Ania e il montaggio non comporta alcun tipo di impatto sul veicolo.
(21/12/2008 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
» Gli avvocati non crescono più
» Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
In evidenza oggi
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Licenziamento anche per l'assenza di pochi minutiLicenziamento anche per l'assenza di pochi minuti
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF