Sei in: Home » Articoli

Privacy: lecito inviare le parcelle professionali al cliente nel posto di lavoro

Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter del 2 dicembre) ha reso noto di aver stabilito che le parcelle dei professionisti possono essere inviate direttamente all'indirizzo del lavoro del cliente (e ciò anche in assenza di un loro esplicito consenso) quando non vi è altro modo per contattarlo. L'Autorità ha quindi chiarito che, ai sensi del Codice in materia di protezione dei dati personali, è lecito il trattamento di dati relativi all'interessato, anche senza il consenso di questi, quando tale trattamento è necessario al professionista per far valere un proprio diritto nei confronti del cliente. Con questa decisione, il Garante ha giudicato infondato il ricorso di un dipendente comunale che si era rivolto all'Autorità per essere stato raggiunto presso la sede del lavoro da missive contenenti la parcella del proprio avvocato.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(08/12/2008 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Il reato di violenza privata
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Biciclette: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanza
» Gli eredi legittimi: chi sono e quale è la differenza con i legittimari
» Colpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
In evidenza oggi
Ddl salvaciclisti: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanzaDdl salvaciclisti: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanza
L'ombra del dubbio: quando il caso limite mette in crisi il sistema giudiziarioL'ombra del dubbio: quando il caso limite mette in crisi il sistema giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF