Sei in: Home » Articoli

Cassazione: accertamento con adesione? Fedele alla dichiarazione, anche se sbagliata

La Sezione Tributaria della Corte di Cassazione (Sent. n. 27051/2008) ha stabilito che “ai fini del computo della maggiore imposta dovuta in base all'accertamento con adesione, la salvezza degli effetti del controllo formale presuppone indispensabilmente il rigoroso rispetto dei dati forniti dal contribuente, esulando da esso ogni facoltà valutativa da parte dell'Amministrazione. Ciò posto, l'errore di calcolo, consistente nell'erronea utilizzazione delle regole aritmetiche, così come l'omissione del calcolo, intervenuti nel momento della redazione del documento da parte del contribuente, consentono l'esercizio dell'attività di controllo formale da parte dell'Amministrazione purché resti rigorosamente estraneo ogni elemento valutativo e tale controllo venga effettuato sulla base dei presupposti numerici indicati dal contribuente, senza toccare in alcun modo la sostanza delle sue dichiarazioni”.
(27/11/2008 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF