Sei in: Home » Articoli

Le conseguenze del licenziamento

Come noto, il licenziamento intimato oralmente è radicalmente inefficace per inosservanza dell'onere della forma scritta imposto dall'art. 2 della Legge 15 luglio 1966 n. 604, novellato dall'art. 2 della Legge 11 maggio 1990 n. 108, e, come tale, inidoneo a risolvere il rapporto di lavoro conseguendone, quindi, che la radicale inefficacia del licenziamento orale prescinde dalla natura stessa del recesso e dalla sua eventuale natura disciplinare La Cassazione, con sentenza n. 19286 del 14 luglio 2008, ha ribadito che il licenziamento comunicato verbalmente da un'azienda avente meno di 16 dipendenti deve essere dichiarato inefficace (art. 2, Legge n. 604/1966); la Suprema Corte ha però messo l'accento sulla necessità che il lavoratore adotti comunque un comportamento propositivo ; pertanto, il lavoratore licenziato è tenuto ad attivarsi con diligenza collocando sul mercato la propria attività lavorativa per ridurre il pregiudizio subito Il lavoratore ha diritto al risarcimento del danno da determinarsi secondo le regole comuni in materia di inadempimento delle obbligazioni, ivi inclusa quella di cui all'art. 1227 c.c., che esclude il risarcimento per i danni che il creditore avrebbe potuto evitare usando l'ordinaria diligenza.
(Avv. Lorenzo Cuomo)
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/12/2008 - www.laprevidenza.it)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF