Sei in: Home » Articoli

SanitÓ: al via la campagna per un uso corretto degli antibiotici

Gli stati membri del Centro europeo per il controllo delle malattie, in occasione con la "Giornata europea per gli antibiotici", sono stati inviatati a realizzare iniziative di comunicazione per contrastare l'abuso degli antibiotici. Sulla scorta di tale premessa, l'Agenzia italiana del farmaco (AIFA) e l'Istituto superiore di sanitÓ (ISS), in accordo con il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, ha presentato la Campagna "Antibiotici si, ma con cautela". La campagna ha il fine di informare i cittadini circa l'importanza di ricorrere agli antibiotici ma solo quando veramente Ŕ necessario e comunque sempre dietro prescrizione medica. La Campagna prevede l'utilizzo di diversi strumenti di comunicazione, tra cui spazi sulla stampa quotidiana, su periodici e testate web. E' anche prevista la diffusione dei messaggi tramite il sito web della Campagna.
L'azione di sensibilizzazione si Ŕ necessaria in quanto ricerche compiute in materia hanno accertato che alcuni importanti germi patogeni hanno ormai sviluppato altissimi livelli di antibiotico-resistenza, e che alcuni ceppi (tra cui il Micobatterio della tubercolosi) sono diventati resistenti a tutti i 100 antibiotici attualmente disponibili. Diverse sono le cause ma, di certo, tra queste vi Ŕ incluso l'uso eccessivo e non appropriato di antibiotici.
I cittadini possono rivolgere domande e chiedere chiarimenti telefonando al numero verde dell'AIFA: 800-571661.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/11/2008 - Cristina Matricardi)
Le pi¨ lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa nÚ obbligo di iscrizione
» Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito
» Regime dei minimi: com'era e com'Ŕ
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Negoziazione assistita senza notaio: Aiga, ora spazio agli avvocati
In evidenza oggi
Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF