Sei in: Home » Articoli

Italiani stufi dell'ora solare: il Codacons chiede la revisione della direttiva europea sull'ora legale.

Secondo una recente ricerca del Codacons, l'80% degli italiani sarebbe stufo dell'ora solare e dei continui cambiamenti di orario. Proprio nella notte tra il 25 ottobre e domenica 26, tutti i cittadini europei, sposteranno le lancette dei loro orologi un'ora indietro, come ogni anno. La ricerca dell'associazione rivela invece che la quasi totalitÓ degli italiani vorrebbe l'eliminazione dell'ora solare, con la relativa revisione della direttiva CE 2000/84. Le disposizioni della normativa europea prevedono che il periodo dell'ora legale vada dall'ultima domenica di marzo all'ultima domenica di ottobre.
Inoltre abolire l'ora solare, permetterebbe il risparmio di un'ora di luce durante l'estate senza i disagi del cambiamento di orario come ad esempio l'aggiornamento dei sistemi informatici, orario dei treni, radiosveglie, orologi nelle automobili ma anche problemi di insonnia e stress. L'associazione chiede quindi che venga modificata la direttiva europea in favore dell'eliminazione totale dell'ora legale in tutta l'Europa.
(26/10/2008 - Luisa Foti)
Le pi¨ lette:
» Multa a Wind per la riduzione a 28 giorni del rinnovo delle offerte: cosa cambia per gli utenti?
» Autovelox: obbligo di doppia segnalazione
» Condominio: il condizionatore voluminoso va rimosso
» Incidenti stradali: le nuove regole sul risarcimento
» Casa priva di certificato di abitabilitÓ: Ŕ vendita dell'aliud pro alio
In evidenza oggi
Incidenti stradali: le nuove regole sul risarcimentoIncidenti stradali: le nuove regole sul risarcimento
Multa a Wind per la riduzione a 28 giorni del rinnovo delle offerte: cosa cambia per gli utenti?Multa a Wind per la riduzione a 28 giorni del rinnovo delle offerte: cosa cambia per gli utenti?
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF