Sei in: Home » Articoli

Cassazione: condannata maestra che chiuse per punizione alunni in bagno

Non occorre che la porta sia stata chiusa a chiave, il solo fatto di chiudere in bagno per punizione i bambini fa scattare la condanna per maltrattamenti. E' accaduto a Colle Val d'Elsa dove una Maestra d'asilo finita sotto processo proprio che questo suo metodo aggressivo di correzione. La donna stata condannata a sei mesi di reclusione dai giudici di merito e la condanna stata confermata dalla Suprema Corte. Nella sentenza (38778/2008) Piazza Covour spiega che in casi del genere non ha alcuna importanza il fatto che la porta non venisse chiusa a chiave.
Per determinare la condanna e' sufficiente il fatto che ''la docente avesse relegato per punizione al buio nel bagno dei bambini tra i 3 e i 5 anni''. La maestra si era difesa sostenendo appunto di non aver "rinchiuso" i bambini in bagno perch le porte non erano state chiuse a chiave. La Corte ha respinto il ricorso della donna evidenziando che l'insegnante aveva manifestato nei rapporti con i piccoli alunni "un atteggiamento aggressivo e iroso, giugendo al punto di pronunciare insulti e infliggere umiliazioni prive di ogni giustificazione" come quella di relegarli per punizione in bagno.
(19/10/2008 - Roberto Cataldi)
Le pi lette:
» Autovelox: obbligo di doppia segnalazione
» Condominio: il condizionatore voluminoso va rimosso
» Divorzio: niente assegno per chi guadagna pi di mille euro
» Video e foto sui social all'insaputa di chi ripreso? Ora si rischia il carcere
» Licenziamento anche per l'assenza di pochi minuti
In evidenza oggi
Avvocatura: professione prestigiosa ma ferita dalla crisiAvvocatura: professione prestigiosa ma ferita dalla crisi
Multa di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minoriMulta di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minori
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF