Sei in: Home » Articoli

Cassazione: condannata maestra che chiuse per punizione alunni in bagno

Non occorre che la porta sia stata chiusa a chiave, il solo fatto di chiudere in bagno per punizione i bambini fa scattare la condanna per maltrattamenti. E' accaduto a Colle Val d'Elsa dove una Maestra d'asilo finita sotto processo proprio che questo suo metodo aggressivo di correzione. La donna stata condannata a sei mesi di reclusione dai giudici di merito e la condanna stata confermata dalla Suprema Corte. Nella sentenza (38778/2008) Piazza Covour spiega che in casi del genere non ha alcuna importanza il fatto che la porta non venisse chiusa a chiave.
Per determinare la condanna e' sufficiente il fatto che ''la docente avesse relegato per punizione al buio nel bagno dei bambini tra i 3 e i 5 anni''. La maestra si era difesa sostenendo appunto di non aver "rinchiuso" i bambini in bagno perch le porte non erano state chiuse a chiave. La Corte ha respinto il ricorso della donna evidenziando che l'insegnante aveva manifestato nei rapporti con i piccoli alunni "un atteggiamento aggressivo e iroso, giugendo al punto di pronunciare insulti e infliggere umiliazioni prive di ogni giustificazione" come quella di relegarli per punizione in bagno.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(19/10/2008 - Roberto Cataldi)
Le pi lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa n obbligo di iscrizione
» Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito
» Regime dei minimi: com'era e com'
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Negoziazione assistita senza notaio: Aiga, ora spazio agli avvocati
In evidenza oggi
Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF