Sei in: Home » Articoli

Polizia Postale: operazione anti pedopornografia online, 28 indagati

Nell'ambito di una operazione condotta dalla Polizia Postale di Catania per contrastare il dilagante fenomeno della pedofilia online sono stati indagati 28 italiani ritenuti responsabili della divulgazione in internet di materiale pedopornografico. La diffusione di materiale avveniva tramite programmi di file sharing o peer-to-peer. I video pedo pornografici, in particolare venivano diffusi attraverso l'utilizzo di E-mule. L'indagine compiuta dalla Polizia Postale si svolta con il coordinamento del Centro Nazionale di Contrasto della Pedo-pornografia On-line (CNCPO) di Roma.
Numerose le province italiane interessate dalle indagini che da catania si sono estese ad Ancona, Bergamo, Bologna, Caserta, Cuneo, Firenze, Latina, La Spezia, Lucca, Milano, Mantova, Napoli, Padova, Pisa, Pordenone, Reggio Calabria, Roma, Taranto e Torino. Dall'indagine anche emerso che alcune connessioni ad internet per lo scambio dei file pedo-pornografici sono avvenute da uffici pubblici.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(12/10/2008 - Roberto Cataldi)
Le pi lette:
» Il reato di violenza privata
» Cassazione: non presentarsi all'udienza remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Niente stupro se la vittima dice basta ma non urla
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Omicidio stradale: arriva una nuova riformaOmicidio stradale: arriva una nuova riforma
Se Equitalia sbaglia paga spese e danniSe Equitalia sbaglia paga spese e danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF