Sei in: Home » Articoli

Giustizia: in vigore il decreto per la copertura delle sedi disagiate

E' in vigore il Decreto -Legge del Governo (n. 143/2008, pubblicato in GU n. 217 del 16.09.2008) con il quale si è inteso contrastare il fenomeno della mancata copertura, da parte dei magistrati, degli uffici giudiziari nelle sedi considerate disagiate in tutto il territorio nazionale. Al fine di garantire la copertura degli uffici giudiziari anche nelle zone considerate a rischio (e quindi garantire l'efficienza e la funzionalità della giustizia), il provvedimento ha stabilito un sistema di incentivi (sia economici sia di carriera) per quei magistrati che accettino il trasferimento in quei luoghi dove l'amministrazione della giustizia (a causa di fenomeni socio-economici di diversa natura) è alquanto complessa.
Gli incentivi a carattere economico consistono in un bonus iniziale di circa seimila euro netti e in un'indennità mensile di circa duemila euro netti, per un periodo massimo di quattro anni di permanenza mentre quelli relativi alla carriera riguardano l'attribuzione per i primi sei anni di un punteggio doppio per ogni anno di permanenza nella sede disagiata, nonché (dopo però almeno quattro anni) la possibilità per il magistrato di tornare, anche se in sovrannumero, nella sua sede di provenienza. Sulla base della legislazione attuale, il coniuge del magistrato, se dipendente statale, può ottenere il trasferimento.
Leggi il decreto
(27/09/2008 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF