Sei in: Home » Articoli

Cassazione: accertamento redditi del professionista? Anche i questionari dei clienti possono fare fede

In sede di accertamento fiscale possono essere presi in considerazione i risultati dei questionari spediti dal Fisco ai clienti del professionista. Lo ha deciso la Quinta Sezione Civile – Tributaria della Corte di Cassazione (Sent. 22179/2008) con la quale si è stabilito che "in tema di accertamento delle imposte sui redditi, è applicabile anche al reddito da lavoro autonomo, e non solo al reddito di impresa, la presunzione di cui all'art. 32 del d.P.R. n. 600 del 1973 secondo cui sia i prelevamenti che i versamenti operati sui conti correnti bancari vanno imputati ai ricavi conseguiti dal contribuente nella propria attività, se questi non dimostra di averne tenuto conto nella base imponibile oppure che sono estranei alla produzione del reddito.
Peraltro, la presunzione in parola per essere operante non presuppone […] un 'contraddittorio anticipato alla fase amministrativa', con la necessaria presenza del contribuente in tutte le operazioni di verifica".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(12/09/2008 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF