Sei in: Home » Articoli

Servitù di passaggio: chiusura del fondo servente

Nell'ipotesi di fondo gravato da servitù di passaggio, l'art. 841 Cod. Civ. attribuisce al proprietario la facoltà di chiudere in qualunque tempo il proprio fondo, a patto che l'esercizio della servitù di passaggio non venga impedito o reso scomodo. Sul punto è intervenuta la Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione (sent. n. 15796/02), precisando che "spetta al giudice di merito stabilire quali misure, in concreto, risultino più idonee a contemperare l'esercizio dei due diritti, avendo riguardo a tutte le circostanze del caso concreto in relazione allo stato dei luoghi, nonché a quelle soggettive, come il comportamento tenuto dal proprietario del fondo servente". Nella fattispecie, i Giudici del Palazzaccio hanno ritenuto che la consegna delle chiavi del cancello apposto a chiusura del fondo servente non fosse una misura idonea a garantire il libero esercizio della servitù di passaggio, specie perchè il cancello stesso si trovava in una posizione alquanto defilata e mancava di un impianto citofonico o di altro meccanismo di apertura a distanza.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(08/01/2003 - Marina Demaria)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF