Sei in: Home » Articoli

Cassazione: datore di lavoro dice al dipendente "non capisci un ca..."? E' reato

Integra il reato di ingiuria l'espressione "non capisci un ca..." pronunciata dal datore di lavoro nei confronti dei propri dipendenti. Lo ha stabilito la Quinta Sezione Penale della Corte di Cassazione che, con la Sent. n. 31388/2008 ha stabilito che il datore di lavoro deve utilizzare nei confronti dei suoi dipendenti "una attenta continenza espressiva" e che, la effettiva potenzialità offensiva di un'espressione va "certamente apprezzata nel contesto spaziale, temporale e relazionale nella quale viene pronunciata".
Gli Ermellini hanno poi precisato che "a differenza di quanto avviene per, es., per quel che riguarda la diffamazione 'mediatica' (a mezzo stampa, radio, televisione, internet ecc.), nella quale la espressione, in quanto oggettivata, è, entro certi limiti, apprezzabile – per quel che attiene alla sua astratta portata diffamatoria – anche dal giudice di legittimità, nel caso di ingiuria, quel che deve essere accertato (e valutato) è in effetti il complessivo 'comportamento' dell'agente, comportamento che appunto si estrinseca in un contesto sociale storicamente definito, il quale è conoscibile solo dal giudice di merito".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(29/07/2008 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito
» Regime dei minimi: com'era e com'è
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Negoziazione assistita senza notaio: Aiga, ora spazio agli avvocati
In evidenza oggi
Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF