Sei in: Home » Articoli

Senato: Palazzo Madama passa al fotovoltaico

Il Senato della Repubblica ha siglato un protocollo d'intesa con il Gestore dei Servizi Elettrici, che prevede l'istallazione di pannelli fotovoltaici per una estensione di 14 mila metri quadrati presso l'area in cui si trovano i magazzini in uso al Senato. L'obiettivo è quello di ridurre la bolletta di Palazzo Madama e di produrre energia pulita. L'istallazione degli impianti non avrà alcun onere economico per il Senato grazie al ricorso dello strumento del project financing, e i pannelli saranno in grado di produrre un megawatt di energia Il fine dell'iniziativa, si legge nel comunicato stampa del Senato, è di "individuare le migliori modalità operative per favorire e promuovere risparmi nella fornitura di energia mediante l'utilizzo di quella prodotta da fonti rinnovabili, necessaria al funzionamento degli uffici del Senato". Per la prima volta, commentano Romano Comincioli, Benedetto Adragna e Paolo Franco, "un organo costituzionale utilizzerà questo strumento finanziario per realizzare un'opera a costo zero. Con la firma di questo protocollo, il Senato apre una nuova pagina: quella del risparmio energetico e della produzione di energia pulita.
La firma dell'intesa è un segnale importante delle istituzioni nell'ottica più generale della riduzione delle spese".
(25/07/2008 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF