Sei in: Home » Articoli

Disagio alimentare per pasti consumati in esercitazione: no alla pensione tabellare

Il signor Mauro, incorporato quale militare di leva nel febbraio 1970, in corso di servizio è stato ricoverato, tra l'altro, presso l'O.M. di Padova dal 18 al 25 gennaio 1971, con diagnosi di “duodenite ulcerosa”. Dopo le dimissioni e la fruizione di sessanta giorni di licenza di convalescenza, nel marzo 1971 è stato nuovamente ricoverato presso l'O.M. di Napoli e di lì dimesso e avviato al Corpo come “non idoneo al servizio”. Conseguentemente è stato congedato, per riforma, il 10 aprile 1971. Con domanda colà pervenuta il 24 aprile 1971 l'interessato ha richiesto al Ministero della difesa l'attribuzione della pensione privilegiata tabellare, per dipendenza da causa di servizio degli esiti dell'infermità all'apparato digerente causa della riforma, asseritamente riportata per causa di servizio. Nel questionario per le pensioni privilegiate ordinarie da lui sottoscritto sul MODULARIO - M. Esercito - 136 Provv. in data 7 giugno 1971, il Mauro ha, infatti, affermato di ritenere che l'infermità fosse insorta “durate l'esercitazione che consumava i pasti fuori caserma”....
Vedi allegato
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/08/2008 - www.laprevidenza.it)
Le più lette:
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» Milleproroghe: le misure per gli avvocati
» Falsi certificati di malattia: carcere e multe fino a 1.600 euro anche per il medico
» Infortuni: arriva il reato di omicidio sul lavoro
» Il giudice può perquisire la borsa dell'avvocato
In evidenza oggi.
Infortuni: arriva il reato di omicidio sul lavoro
Avvocato e notaio: ecco le professioni più noiose
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF