Sei in: Home » Articoli

Ministero dell'Interno: al via la campagna 'guido con prudenza'

Ha avuto inizio a partire dal 18 luglio scorso la campagna per la sicurezza stradale “Guido con prudenza” realizzata da Polizia, Ania e Silb. L'iniziativa intende premiare i guidatori 'virtuosi' e stimolare una "partecipazione attiva da parte dei giovani, che all' ingresso delle discoteche e dei locali aderenti alla campagna, verranno invitati a scegliere nel loro gruppo il 'guidatore designato', detto 'Bob', che accetta di non bere per guidare all'uscita dal locale e condurre gli amici sani e salvi a casa". Fuori dai locali, inoltre i ragazzi troveranno un "angolo della sicurezza" dove sarà possibile fare un test alcolico prima di decidere se mettersi o no alla guida. La campagna prevede l'assegnazione di biglietti gratis per entrare in discoteca a chi risulterà negativo ai controlli; Un Camper dotato di un simulatore di guida, inoltre, si sposterà nelle diverse località ad "alto divertimento" (Riviera romagnola, Riva lombarda del lago di Garda, Litorale campano e Costiera calabrese)per consentire ai giovani di provare gli effetti negativi della guida in stato d'ebbrezza o sotto stupefacenti. Secondo l'istituto superiore di Sanità il principale responsabile degli incidenti stradali in Italia resta il consumo di alcool e droga: 30%. Il prefetto Luciano Rosini, Direttore centrale delle Specialità della Polizia di Stato, afferma che "Le cifre degli incidenti rimangono allarmanti, ma l'impegno nella prevenzione e nei controlli sta iniziando a far registrare i primi risultati positivi".
(22/07/2008 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF