Sei in: Home » Articoli

Cassazione: multa ad un improvvisato 007 che pedinava la cognata

Pedinare la cognata o un altro parente fa scattare una multa per il reato di molestie. Parola di Cassazione. Poco importa che l'intento sia quello di scoprire "un'eventuale relazione extraconiugale". La Corte (sentenza 29495/2008) ha infatti confermato una multa di 400 euro nei confronti di un uomo che si era messo ad inseguire insistentemente per strada, la propria cognata arrivanto persino a fotografarla con il cellulare. Il suo scopo era solo quello di smascherare le corna che la cognata metteva al fratello. E per questo si era messo a pedinare la cognata cercando di beccarla con l'amante. I Giudici di Piazza Cavour hanno chiarito che tale comportamento "integra il reato previsto dall'art. 660 C.P., sia per il profilo oggettiva che per quello soggettivo, la condotta oggettivamente molesta e petulante, di pedinare, inseguire, controllare i movimenti e fotografare con insistenza una persona di cui si intende scoprire una eventuale relazione extraconiugale". Anche i giudici di merito avevano in precedenza emesso un verdetto di condanna.
Inutile il ricorso in Cassazione. La Corte ha respinto il ricorso sottolineando che "il Tribunale, con apprezzamento probatorio esplicito e corretto ha posto a fondamento del giudizio di responsabilita' una serie di elementi univoci, significativi e attendibili con riguardo alle concrete, petulanti e reiterate condotte dell'imputato" che aveva rivestito i panni di un improvvisato 007.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(16/07/2008 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF