Sei in: Home » Articoli

Cassazione: clausole vessatorie nei contratti bancari conclusi con i consumatori

Sono da considerarsi vessatorie le clausole contenute nelle condizioni generali di contratto e che riconoscono unilateralmente al professionista la facoltÓ di modificare le disposizioni economiche del rapporto anche in mancanza di un giustificato motivo. E' quanto stabilito nella Sentenza n. 13051/2008, con la quale la Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione ha precisato che sussiste la vessatorietÓ in quanto tali clausole non possono qualificare la previsione negoziale come meramente riproduttiva dell'art. 118 del d. lgs n. 385 del 1993, nella formulazione anteriore alla modifica introdotta con l'art. 10 del d.l. 4 luglio 2006 n. 223, convertito nella legge n. 248 del 4 agosto 2006.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(08/08/2008 - Cristina Matricardi)
Le pi¨ lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'Ŕ dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietÓ
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione Ŕ abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio Ŕ stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF