Sei in: Home » Articoli

Privacy: riconoscimento vocale per le password

Il Garante per la protezione dei dati personali (comunicato n. 307 del 6 giugno scorso) ha reso noto di aver autorizzato una multinazionale ad utilizzare un sistema di riconoscimento biometrico basato sul rilevamento delle impronte vocali dei propri dipendenti per gestire in maniera sicura e reimpostare automaticamente la password necessaria per accedere ai sistemi informatici.
Il Garante ha quindi stabilito che la societÓ, che dovrÓ informare i dipendenti sul trattamento dei dati biometrici e acquisirne il consenso, dovrÓ comunque garantire sistemi alternativi per cambiare le password.
Alla SocietÓ Ŕ stato quindi prescritto di adottare tutte le misure organizzative del caso al fine di prevenire rischi di utilizzo abusivo dei dati personali raccolti nella fase di addestramento e, in caso di cessazione del rapporto di lavoro, le SocietÓ dovranno prevedere un sistema di cancellazione dei dati del dipendente.
L'AutoritÓ ha verificato un sistema di rilevamento biometrico che si basa sull'identificazione dell'utente attraverso l'elaborazione dell'impronta vocale, registrata e memorizzata su un server. Per la trasmissione dei dati Ŕ previsto l'uso di una rete protetta. Durante la fase di addestramento, gli utenti, parlano per telefono con il sistema, pronunciando per quattro volte, tre coppie di parole per rendere possibile la registrazione della loro voce. Le informazioni vocali vengono quindi trasformate in un modello di riferimento digitale (cd. template) che il sistema confronta con le parole pronunciate dall'utente che intende cambiare password. Una volta accertata l'identitÓ dell'utente, il sistema procede automaticamente ad impostare la parola chiave comunicandola al dipendente.
(02/08/2008 - Avv.Cristina Matricardi)
Le pi¨ lette:
» Gli elementi del reato
» Il reato
» Il reato permanente
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
» Avvocato madre: arriva il legittimo impedimento per legge
In evidenza oggi
Animali: in arrivo pene pi¨ severe per chi li maltrattaAnimali: in arrivo pene pi¨ severe per chi li maltratta
Decreto ingiuntivo: quando si prescrive?Decreto ingiuntivo: quando si prescrive?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF