Sei in: Home » Articoli

Cassazione: coppia di fatto? Non salva immigrato dall'espulsione

Un clandestino non può evitare l'espulsione per la sola circostanza di vivere con il partner come una "famiglia di fatto" La Cassazione chiarisce che in materia di immigrazione clandestina non e' possibile ''estendere l'equiparazione tra famiglia legittima e famiglia di fatto''. E' stato così respinto il ricorso di un clandestino contro un provvedimento di espulsione applicato dal Tribunale di sorveglianza. L'uomo aveva sostenuto di non poter essere espulso dal nostro Paese perché conviveva con una italiana e che la loro era a tutti gli effetti una coppia di fatto.
Piazza Cavour ha respinto il ricorso ricordando che ''la convivenza more uxorio con una cittadina italiana non puo' costituire legittimo motivo ostativo all'espulsione, in quanto il divieto di espulsione di cittadino extracomunitario coniugato con cittadino italiano o convivente con parenti entro il quarto grado di cittadinanza italiana, risponde all'esigenza di tutelare da un lato l'unita' della famiglia e dall'altro il vincolo parentale che riguarda persone che si trovano in una situazione di certezza di rapporti giuridici''. Tali vincoli, spiega la Corte, sono assenti ''nella convivenza more uxorio'' fra un clandestino e un italiana, ''non risultando possibile estendere l'equiparazione tra famiglia legittima e famiglia di fatto alla materia dell'immigrazione clandestina disciplinata da norme di ordine pubblico e nella quale l'obbligo dell'espulsione incontra solo i limiti strettamente previsti dalla legge al fine di escludere facili elusioni alla normativa dettata per il controllo dei flussi migratori''.
(18/06/2008 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF