Sei in: Home » Articoli

Cassazione: cane docile e non morde? Deve sempre avere il guinzaglio

Anche se il cane è docile e non morde deve sempre essere portato al guinzaglio da parte del suo padrone che, in caso contrario, rischia una multa. Lo ha deciso la Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione che, con la Sentenza n. 14075/2008 ha evidenziato che la finalità dell'art. 15, comma 3 del regolamento comunale di polizia urbana (che vieta di lasciare incustoditi i cani o altri animali in luogo pubblico o aperto al pubblico), "sia quella di garantire la sicurezza degli altri frequentatori del luogo pubblico, sicurezza che è messa a repentaglio dallo stato di libero movimento di cui gode un cane non controllato con guinzaglio o non frenato da museruola, o altro accorgimento, che possa prevenire suoi impulsi aggressivi.
E' in vista di tali impulsi improvvisi e reattivi, che possono essere scatenati da un comportamento imprevisto degli astanti, che il cane deve essere posto sotto materiale controllo, non bastando la vigile attenzione del padrone che sia distante qualche metro e non disponga di uno strumento fisico di costrizione per distorglielo dalla possibile vittima".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(16/06/2008 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF